MetroTram Portale di informazione sullo sviluppo delle reti e delle nuove tecnologie dei trasporti pubblici a guida vincolata in Europa dal 1980 ad oggi. Il sito contiene ora schede di 282 sistemi europei e viene continuamente aggiornato.
apm   fune   lrt   metro   monorotaia   tram-ferro   tram-gomma   tram-treno  
nazioni   città   produttori   km   stazioni   sommario   europa   tendenze   futuro  
news   autore   pubblicazioni   loghi   disclaimer   contatti   links   biblio  

= Contiene fotografie ufficiali
= Aggiornato da meno di 4 sett.
Prima del 1980
MATERIALE ROTABILE
BIRMINGHAM
ISTANBUL
LAON
MILANO
OEIRAS
PERUGIA
SERFAUS
VENEZIA
ZURIGO
Read in ENGLISH A A
cerca nel sito ?
SISTEMI A FUNE
I moderni sistemi a fune presentano un tracciato costituito da due o più stazioni, ognuna delle quali è collegata a quella immediatamente successiva da una fune conformata ad anello.
Il sistema di trazione presenta ampie analogie con quello dei collaudati sistemi funicolari classici ed è composto dai seguenti elementi principali:
fune
stazione motrice
stazione di rinvio
stazione di tensione
vettura.
La fune forma un anello trattivo fra la stazione di rinvio e la stazione di tensione; essa è conformata secondo l'andamento topografico del tracciato mediante un insieme di rulli (diritti per i tratti rettilinei e convessi, inclinati per i tratti con curve orizzontali, di ritenuta per i tratti rettilinei con curvatura verticale concava). La stazione motrice genera il moto di ciascun anello, il quale a sua volta lo trasmette alle vetture agganciate tramite appositi dispositivi (pinze).
Nella stazione di rinvio (spesso coincidente con la stazione motrice e localizzata in una estremità della tratta), una puleggia mantiene l’anello nel corretto assetto. Nella stazione di tensione (nell'altra estremità della tratta rispetto alla stazione di rinvio), un sistema idraulico consente il recupero di eventuali squilibri di tensione dell’anello. Le vetture sono dotate di pneumatici e circolano su una via di corsa costituita da una coppia di profilati metallici (a cui sono ulteriormente vincolate da pneumatici-guida orizzontali); risultano particolarmente leggere e silenziose per via dell'assenza di motori a bordo e possono superare notevoli dislivelli (fino al 15%) grazie alla trazione a fune.
Il collegamento tra vettura ed anello può essere fisso (ammorsamento fisso) o temporaneo (ammorsamento automatico); nel secondo caso le operazioni di aggancio/sgancio della vettura (in corrispondenza delle fermate), a seconda della tecnologia prescelta, possono avvenire ad anello fermo o ad anello in movimento. Nel caso di ammorsamento temporaneo, le stazioni terminali sono dotate di una piattaforma girevole consente la rotazione del veicolo, in modo che quest'ultimo possa essere riagganciato all'anello e riprendere la corsa in direzione opposta con le porte di accesso correttamente posizionate sul lato esterno del tracciato.
I sistemi a fune di ultima generazione sono ormai univocamente caratterizzati dalla totale automazione dell'esercizio; il sistema di comando e controllo, computerizzato e ad automazione integrale, è costituito da una architettura classica ATC (Automatic Train Control) strutturata nei sottosistemi ATO (Automatic Train Operation, per garantire sequenze di marcia e arresto, frenatura, etc.), ATP (Automatic Train Protection, per garantire la marcia in sicurezza del veicolo), ATS (Automatic Train Supervision, per garantire trasmissione dati al posto centrale di controllo, comunicazione audio-video con i passeggeri, etc.).


Links ai siti dei produttori:
DOPPELMAYR
LEITNER
POMA